Perchè i nostri cani cercano da soli

Pubblicato il Pubblicato in Progetto ricerca di Nash - cani smarriti

Collaborare è necessario: togliamo qualche dubbio.

II Progetto Ricerca di Nash è un progetto ambizioso e importante per la nostra Associazione. I cani, i proprietari e lo staff intero che ci sono dietro, lavorano a questo progetto spendendo soldi e risorse per dare il loro contributo al volontariato; in cambio del nostro lavoro richiediamo un rimborso spese se ci dobbiamo spostare di diversi km e il rispetto per quel che è il nostro lavoro e il nostro impegno.

Spesso ci viene richiesto di andare a cercare con i cani in situazioni in cui sono presenti diverse persone che cercano e diversi cani che non hanno competenze per questo tipo di ricerca ma che sono comunque lì.

In un mondo ideale, quando i cani cercano devono essere soli con il proprietario del cane smarrito ed il loro proprietario o, al massimo, con un altro paio di persone amiche, non di più. Questo perché il mondo è già molto “sporco” di suo con tantissimi odori e distrazioni; aggiungere persone che magari parlano, deviano la strada, cani che hanno altri odori o che non riconoscono la situazione di lavoro, fa perdere loro la concentrazione e rende tutto molto più difficile. Le distrazioni naturali sono già una difficoltà, basti pensare a quando si cerca nei parchi pubblici e sono già presenti cani che sono a far la passeggiata per i fatti loro, persone che sono a spasso, bambini che giocano; per questo spesso andiamo a cercare negli orari meno frequentati come la sera o la mattina presto.

Chi decide di contattarci deve tenere conto che tutto ciò che facciamo viene fatto nel pieno rispetto dei cani che cercano e dei cani che eventualmente troviamo: quando un cane segnala o trova non va “addosso” al cane ritrovato, ma lo segnala da lontano in modo che chi è presente e senza cane possa provvedere ad aiutarlo in sicurezza.

Difficilmente cani e persone non formate per questo tipo di ricerca sono in grado di procedere correttamente. Ben venga quindi la collaborazione con chi non fa parte del nostro staff, ma solo se costruttiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *